Caro Molise, ti voglio bene. E te ne vorrò anche dopo il 22 aprile (al contrario dei politici)

di Luigi De Gregorio

Caro Molise,

Ti voglio bene perché i miei antenati ti difesero dai Saraceni ed i miei genitori ebbero la fortuna di applaudire il generale Montgmery che vinse la battaglia di Termoli, superando così la prima linea di difesa Victor dal Volturno al Biferno dell’esercito tedesco. Ovviamente ti vogliono bene tutti i molisani residenti e quei tanti, circa mezzo milione, sparsi nel mondo.

A noi legittimi amanti, in queste ultime settimane, si sono aggiunti i politici di livello nazionale che del Molise non si sono mai interessati e del quale molti non sanno neanche bene la posizione geografica. Un colpo di fulmine? Un amore improvviso? Macché, è solo un interesse a tempo determinato emerso da una data, un avvenimento, una circostanza: elezioni politiche regionali del 22 aprile, ossia 49 giorni le elezioni politiche nazionali del 4 marzo.

Un finto amore che ha “un prima ed un dopo”. Nel “prima” tutti ti corteggiano, ti danno importanza, pongono una grande attenzione. Vedono in te “l’occasione” rispetto al 4 marzo. Chi di rivalsa, chi di conferma, chi di crescita. Ma tu non puoi accontentare tutti. E nel “dopo” ci sarà un solo amante, il vincitore che ti omaggerà accostando il vessillo regionale alla bandiera nazionale e non ha occhi che per te. In esclusiva. Ma solo per ventiquattr’ore, perché il suo pensiero volerà subito verso il Nord, in Friuli Venezia Giulia.

E gli altri amanti politici? Già la sera del 22 aprile si riveleranno dei grandi traditori. Ti disprezzeranno “il Molise non vale niente”, “320.000 abitanti meno di un quartiere di Roma”, “una Regione così piccola non può rappresentare un test nazionale”.

Caro Molise, dopo il 22 aprile a volerti bene rimarrò io, i 320.000 residenti ed gli altri molisani sparsi nel mondo.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

L’articolo Caro Molise, ti voglio bene. E te ne vorrò anche dopo il 22 aprile (al contrario dei politici) proviene da Il Fatto Quotidiano.